Il benessere e la qualità della vita professionale stanno diventando fondamentali per i dipendenti. In un mercato del lavoro ristretto è sempre più importante per la tua azienda, differenziarsi  generando interessanti offerte di benefit. Tramite un approccio che punta sull’integrazione del benessere nella cultura aziendale e incoraggia la partecipazione dei dipendenti, sarai in grado di offrire benefit tangibili e personalizzabili che coinvolgeranno i tuoi dipendenti e attireranno i potenziali talenti.

Il Rapporto sulla soddisfazione sul lavoro e sull’impegno dei dipendenti 2016 di SHRM segnala che il 42% dei dipendenti ritiene che i programmi relativi al benessere siano “importanti” e che il 27% ritiene che i programmi siano “molto importanti” come contributo alla soddisfazione professionale. (1)

I dati del settore supportano questa opinione e oltre la metà dei professionisti attivi tra le risorse umane confermano che la partecipazione dei dipendenti alle iniziative volte al benessere è aumentata. In effetti, il 66% dei lavoratori dichiarano che un ricco pacchetto di benefit e bonus è il fattore determinante nel valutare le offerte di lavoro e il 61% sarebbe disposto ad accettare uno stipendio più basso se un’azienda offrisse un pacchetto di prim’ordine. (2)

 

Non sorprende, quindi, che sempre più aziende offrano molti diversi programmi ai dipendenti (3) , e che tali investimenti siano destinati a crescere: in uno studio Wellable che ha interessato 105 professionisti del benessere, oltre un terzo (il 35%) degli intervistati ha dichiarato che i datori di lavoro avrebbero speso di più per programmi relativi al benessere nel 2018. (4)

Le aziende non stanno aggiungendo ai loro benefit soltanto spuntini attenti alla salute (anche se sono importanti). La definizione di benessere aziendale si è notevolmente ampliata, includendo una serie di programmi che prevedono strumenti per il benessere finanziario, la salute mentale, un’alimentazione sana e l’esercizio fisico, la consapevolezza, il sonno e la gestione dello stress.

È ormai chiaro che la qualità della vita professionale è molto apprezzata dai dipendenti. (5)                          La domanda che ora si pongono i professionisti delle risorse umane è la seguente: come differenziare le offerte relative al benessere e tradurle in benefit significativi che coinvolgano i dipendenti, in modo da poter incidere positivamente sulla qualità della loro vita professionale?

 

 

Presentiamo alcuni approcci comprovati per sfruttare al massimo la tua offerta di benefit:

  • Non esiste un approccio al benessere adatto a qualsiasi situazione
    • Crea vantaggi supplementari adatti a tutti i dipendenti, indipendentemente da età, aree geografiche, forma fisica e interessi
  • I programmi incentrati sul benessere nel luogo di lavoro realizzano gli obiettivi solo se le persone ne usufruiscono
    • Soddisfa le esigenze dei dipendenti incoraggiando (e premiando) tutte le forme di attività fisica
    • Offri opzioni che consentano ai partecipanti di sperimentare una serie di diverse attività, in modo che possano trovare quelle più adatte a loro
    • Sfrutta incentivi e bonus per incoraggiare la partecipazione anche con il minimo impegno
    • Monitora e segnala i risultati positivi ai tuoi dipendenti
  • Rendi tutto questo uno stile di vita
    • Ė possibile integrare il benessere nella cultura aziendale con interventi a piccolo raggio o in modo da poter incidere su larga scala
    • Valuta offerte relative al benessere innovative che includano altri aspetti incentrati sui dipendenti

È anche importante comunicare le offerte relative al benessere sia all’interno dell’azienda che all’esterno. Più stimoli le iscrizioni internamente, più i tuoi sostenitori saranno soddisfatti, migliorando la reputazione della tua azienda come luogo di lavoro attraente. Successivamente, spargi la voce sui risultati e la partecipazione dei dipendenti, rendendo il benessere parte della personalità, dei social media così da migliorare la visibilità per i potenziali dipendenti e i dipendenti già in organico.

L’inclusione delle offerte relative al benessere all’interno dei pacchetti dei benefit per i dipendenti si sta rivelando fondamentale per attrarre e trattenere i migliori talenti. Tuttavia, con l’incremento degli investimenti nel benessere, le aziende non possono limitarsi alla semplice offerta di benefit per differenziarsi.

All ‘interno del nostro white paper abbiamo voluto raccogliere delle best practice utilizzate da aziende come Google e Microsoft per aumentare la talent attraction dei migliori candidati ed  incrementare l’engagement dei dipendenti attraverso programmi per incentivare il benessere.

 

 

 

Bibliografia
  1. Employee job satisfaction and engagement: revitalizing a changing workforce (Soddisfazione e impegno sul lavoro dei dipendenti: rivitalizzare una forza lavoro in evoluzione), Society for Human Resource Management. https://www.shrm.org/hr-today/trends-and-forecasting/research-and-surveys/Documents/2016-Employee-Job-Satisfaction-and-Engagement-Report.pdf. Accesso: 18 settembre 2018.
  2. Bolden-Barrett V., Over half of US workers have left jobs after finding better benefits offerings (Oltre la metà dei lavoratori statunitensi ha lasciato il lavoro dopo aver trovato offerte che proponevano dei benefit migliori) HR Dive. Pubblicato il 19 giugno 2018. Accesso: 18 settembre 2018.
  3. Agarwal D, Bersin J, Lahiri G, Schwartz J, Volini E. Well-being: A strategy and a responsibility (Il benessere: una strategia e una responsabilità), Deloitte Insights. https://www2.deloitte.com/insights/us/en/focus/human-capital-trends/2018/employee-well-being-programs.html. Pubblicato il 28 marzo 2018. Accesso: 18 settembre 2018.
  4. 2018 wellness industry trends (tendenze del settore wellness 2018) Wellable. https://cdn2.hubspot.net/hubfs/226537/Resources/2018%20Wellness%20Industry%20Trends.pdf?t=1533839547507&utm_campaign=2018%20Wellness%20Industry%20Trends%20Report&utm_source=hs_automation&utm_medium=email&utm_content=61013995&_hsenc=p2ANqtz-8Q5Jpj1SxhzYtba. Accesso: 18 settembre 2018.
  5. Better quality of work life is worth a $7,600 pay cut for millennials (Una migliore qualità della vita lavorativa vale $ 7.600 per i millennial), Fidelity Investments. https://www.fidelity.com/about-fidelity/individual-investing/better-quality-of-work-life-is-worth-pay-cut-for-millennials. Pubblicato il 7 aprile 2016. Accesso: 18 settembre 2018.
  6. Pew Reasearch Center. The generations defined (Una definizione delle generazioni), http://www.pewresearch.org/fact-tank/2018/04/11/millennials-largest-generation-us-labor-force/ft_15-05-11_millennialsdefined/. Pubblicato l’8 maggio 2015. Accesso: 28 settembre 2018.
(Visited 103 times, 1 visits today)

Comments

comments