Il lavoro a distanza è diventato la nuova normalità. Per alcuni, questo ha rappresentato un faro di luce in un periodo altrimenti buio. Dopo tutto, gli studi hanno dimostrato che lavorare da casa è un vantaggio che molti dipendenti desideravano da anni. Difatti, uno studio di Future of Work rivela che il 78% dei dipendenti ha indicato le opzioni di lavoro flessibile come prima scelta tra i vantaggi non monetari.

Tuttavia, per quei lavoratori che preferiscono un ambiente tradizionale in ufficio, il passaggio al lavoro a distanza può rivelarsi difficile. Per le risorse umane, ora è il momento di concentrarsi sul fornire a queste persone l’assistenza e le risorse necessarie per continuare a progredire nella loro carriera.

A questo scopo, occorre prima capire i segnali che indicano che uno dei dipendenti è in difficoltà. Dopo aver identificato se una persona ha bisogno di aiuto, utilizzi i suggerimenti per il benessere dei dipendenti riportati di seguito per assicurarsi che abbiano successo.

 

Segnali di pericolo di cui essere consapevoli

Rendimento effettivo

Innanzitutto, chieda ai manager di concentrarsi sul rendimento lavorativo dei dipendenti. All’inizio ci si aspetta una curva di apprendimento. Senza comodità come monitor esterni e spazio aggiuntivo sulla scrivania, i dipendenti potrebbero impiegare un po’ di tempo per acquisire una routine. Ma a questo punto, le persone dovrebbero essere abituate a una tipica giornata di lavoro. Se scopre che un dipendente che prima completava i progetti con facilità ora è lento nel consegnare i lavori, potrebbe darsi che si trovi in difficoltà nell’ambiente casalingo.

Partecipazione

Poi, consigli alla dirigenza di prestare attenzione a un’eventuale riduzione  dell’impegno da parte dei dipendenti. Ad esempio, se un dipendente che in passato era impegnato e partecipe in tutte le riunioni e i seminari è diventato introverso o silenzioso, ciò potrebbe essere dovuto allo stress o all’affaticamento emotivo. 

Inoltre, i manager dovrebbero prestare attenzione a un aumento della vocalizzazione. Ad esempio, i dipendenti che sembravano capire con facilità i compiti da svolgere ora sollevano più domande o preoccupazioni del solito? Questo può dipendere dal fatto che hanno difficoltà a destreggiarsi tra le aspettative e le consegne con il nuovo modo di fare le cose. 

Qualità

Infine, consigli alla dirigenza superiore di stare all’erta in caso di diminuzione della qualità del lavoro. I progetti o i materiali che richiedono ampie modifiche, includono problemi o errori significativi, o sembrano fatti in maniera sbrigativa, potrebbero essere il chiaro segnale che un dipendente stia facendo fatica a tenere il passo o ad adattarsi al suo nuovo ambiente lavorativo. Potrebbe essere distratto o stressato, e tali problematiche ostacolano la sua capacità di portare a termine il lavoro.

Come fornire assistenza

In tempi difficili, è fondamentale sottolineare l’importanza del benessere dei dipendenti sul successo aziendale. È stato dimostrato che le aziende che si concentrano sulla creazione di un ambiente di lavoro positivo ottengono di più dai propri dipendenti per periodi più lunghi, quindi ricordi ai manager di essere gentili e indulgenti con il loro team.

Se un manager nota uno dei suddetti segnali di avvertimento, gli chieda di programmare un incontro informale con il dipendente. Il manager dovrebbe far emergere alcune delle sue preoccupazioni, ma anche chiarire che il lavoro del dipendente non è in alcun modo in pericolo. L’obiettivo dovrebbe essere quello di fornire al dipendente il supporto necessario per adattarsi con successo a un ambiente di lavoro remoto. 

In alcuni casi, il semplice ascolto potrebbe essere sufficiente per alleviare parte dello stress del dipendente e aiutarlo a tornare alla normale qualità produttiva. In altri casi, potrebbero essere necessari interventi più concreti. Se il dipendente ha bisogno di assistenza, chieda al manager di programmare un incontro con un rappresentante delle risorse umane, che può affrontare la situazione come necessario.

Ad esempio, se il dipendente è in difficoltà perché non possiede l’attrezzatura necessaria per produrre lavoro al suo ritmo normale, Lei potrebbe essere in grado di fornirgli i dispositivi necessari. Comodità come monitor esterni, tastiere, cuffie e supporti da scrivania possono semplificare i processi di un lavoratore.

Se invece, un dipendente ha difficoltà ad adattarsi a lavorare da solo, gli suggerisca di trovare un membro del team che rimanga in contatto con lui. In questo modo si darà la parvenza di lavorare al fianco di qualcuno, pur incentivando un sistema a distanza.

I rappresentanti delle risorse umane dovrebbero anche offrire suggerimenti su come strutturare meglio una giornata. Ciò potrebbe comportare la definizione di piccoli obiettivi per ogni ora, l’instaurazione di momenti dedicati alla pausa pranzo e la creazione di uno spazio di lavoro designato; in questo caso, lo spazio dovrebbe essere separato dal luogo in cui il dipendente si rilassa. 

Valorizzare la salute mentale e fisica

Al di fuori del lavoro, è importante che i dipendenti mantengano la mente e il corpo in buone condizioni. Questo non solo allevierà i fattori di stress legati al lavoro, ma garantirà anche che vengano in ufficio ogni giorno sentendosi riposati, rinvigoriti e capaci. 

Ricordi ai dipendenti di riservare del tempo all’esercizio fisico e alla cura della persona. Per sostenere questi suggerimenti, prenda in considerazione la possibilità di ampliare i piani di benefit dedicati al benessere dei dipendenti della Sua azienda, per offrire un migliore accesso a palestre, istituti e risorse per la salute mentale. 

Gympass è orgogliosa di offrire straordinari piani di benefit aziendali che includono l’accesso a più di 55.000 partner di fitness in tutto il mondo, oltre a lezioni virtuali, risorse per la salute mentale, terapia, formazione personale e altro ancora. Clicchi qui per saperne di più oggi stesso.