L’acquisizione dei talenti segue la regola della domanda e dell’offerta

Il cuore del problema risiede in qualcosa che il business conosce molto bene: la relazione che esiste tra domanda e offerta. Negli anni Ottanta quando le aziende erano in via di sviluppo, il numero di persone qualificate era maggiore rispetto alle posizioni lavorative disponibili. Questo diede un grande potere alle imprese: offrì loro un’ampia selezione di candidati tra cui scegliere. Tuttavia i tempi sono cambiati, oggi la forza lavoro scarseggia ed è quindi molto contesa.

Le aziende che comprendono l’equilibrio nel mercato attuale dei talenti sono le sole ad andare avanti. Se c’è una cosa che le imprese dovrebbero sapere è come arrivare al proprio target. Solo che questa volta il tuo pubblico è un futuro dipendente. Ciò significa creare una posizione, delle strutture e delle politiche di risorse umane appetibili per la tipologia di professionista che desideri avere nel tuo team.

I pericoli di un alto turnover

Competere per i talenti che cercano attivamente un lavoro è una cosa che tutte le aziende fanno. Mettono in mostra le migliori politiche per quanto riguarda la gestione delle risorse umane in modo da attirare a sé persone al momento inoccupate. Tuttavia, i problemi cominciano a presentarsi quando i professionisti già impiegati vengono “rubati”. In genere occorrono migliaia di euro per chiudere una posizione di medio-alto livello e mesi di ricerche e colloqui approfonditi. Quando un dipendente esperto lascia un’azienda, poiché un’altra gli ha offerto una posizione migliore, non solo ti trovi di fronte a grandi spese per trovare un valido sostituto ma devi anche iniziare da capo una nuova ricerca.

Un alto turnover è irragionevolmente costoso e in questa situazione l’unica soluzione è renderti più attraente al fine di conservare i talenti più validi che trovi per le tue posizioni lavorative.

Cosa si aspettano i talenti

Come in ogni attività di marketing, per capire cosa attirerà i professionisti nella tua azienda, chiudi gli occhi e mettiti nei loro panni. Cosa ti allontanerebbe dalla tua posizione per portarti in un nuovo ambiente di lavoro del tutto sconosciuto? Cosa ti farebbe scegliere una società rispetto a un’altra quando i benefit sono pressappoco identici? La maggior parte delle aziende commette l’errore di credere che avere un ufficio ben arredato e il fatto di offrire il venerdì corto siano sufficienti per convincere una persona e farla smettere di pensare da vero professionista. Oggi i talenti, invece, sanno di essere molto richiesti perché vedono una moltitudine di aziende che competono per averli come membri del proprio team.

Alcune imprese offrono orari flessibili adatti alle famiglie, altre offrono smart working in modo che i dipendenti possano lavorare da casa o in qualsiasi momento. Ci sono aziende, invece, che hanno un piano di welfare aziendale che può includere il fatto di avere sempre cibo fresco nelle aree relax, rendendole in oltre confortevoli per fare un riposino durante la pausa pranzo, oppure incoraggiano i propri dipendenti a fare attività fisica. Altre ancora consentono ad animali domestici di entrare in ufficio, hanno videogiochi in sala relax o sono particolarmente “accoglienti” nei confronti degli ex dipendenti una volta andati in pensione. Alcune imprese, addirittura, offrono come benefit la possibilità di portare i propri dipendenti in trasferta in altre città per fare formazione. In altre parole, i talenti oggi danno la precedenza alle aziende che li rendono più felici, quindi le imprese che vogliono un maggior numero di talenti applicano le più convincenti politiche al fine di risultare più interessanti.

La reputazione è importante

L’altra cosa che devi sapere riguardo i talenti è che oggi sanno bene come sfruttare Google e tutti gli altri strumenti per ottenere informazioni riguardo alla tua azienda. Quando cerchi di assumere qualcuno per una posizione, puoi scommettere che i tuoi candidati cercano online la tua impresa e ciò che i dipendenti precedenti hanno detto in merito al lavorare lì. Queste informazioni molto spesso le trovano leggendo i commenti su siti come LinkedIn e Glassdoor. I professionisti giudicheranno la tua azienda in base alla reputazione che ha sul mercato, ma anche sulla considerazione che i propri dipendenti o ex dipendenti hanno della stessa. Ciò significa che non sei solo in competizione con la concorrenza delle altre aziende, ma anche con la tua stessa cultura aziendale, le tue stesse politiche di gestione e i tuoi rapporti con gli ex dipendenti.

È importante assicurarsi che tutti questi aspetti siano allettanti per i tuoi candidati, compresa la reputazione ottenuta dalle discussioni su siti online dedicati alla ricerca di un impiego e dall’opinione dei dipendenti attuali o passati. In molti casi, le aziende con un fatturato elevato sembrano bellissime in apparenza, ma poi non sostengono efficacemente il talento nei propri team. Se vuoi assicurarti che il tuo talento rimanga attivo dopo averlo assunto, pensa a ciò di cui ha bisogno, ciò che desidera e ciò che apprezza. Non occuparti solo di quello che sembra invitante sulla carta.

Problemi relativi al benessere aziendale

Naturalmente, ci sono alcuni servizi che puoi offrire come benefit a tutti i dipendenti. Questi sono conosciuti come politiche di welfare aziendale. L’idea di benessere aziendale è cambiata molto negli ultimi vent’anni. La maggior parte di noi ricorda ancora quando “l’ergonomia” era una moda passeggera e le aziende che si preoccupavano dei propri dipendenti erano poche. La gente è rimasta nelle proprie aziende perché ottenere dei nuovi posti di lavoro era molto più difficile ma ora, con la crisi dei talenti, tutte le aziende che non si prendono cura e non si preoccupano di gratificare i dipendenti pagheranno il prezzo di avere alti tassi di turnover e posizioni vuote. Ciò significa dover ridurre il livello di stress in ufficio e migliorare la salute fisica dei dipendenti in un modo che sia facile e vantaggioso per loro.

Come diversi studi hanno dimostrato, avere uno stile di vita aziendale dannoso è pericoloso sia per la salute che per l’umore: le aziende hanno un forte impatto sulla salute dei dipendenti. Le sedie ergonomiche ora si possono trovare in quasi tutti gli uffici, i pranzi insieme in ufficio tengono gli impiegati lontano dai fast food e la maggior parte delle aziende trova anche un modo per incentivare l’attività fisica. I professionisti oggi sono molto più consapevoli dei rischi che uno stile di vita sedentario porta alla salute rispetto ai decenni precedenti. Le palestre all’interno degli uffici sono però scomode per coloro che non vogliono sudare di fronte ai propri colleghi. A quanto pare, gli abbonamenti alle palestre sono il modo più efficace per incoraggiare i dipendenti a fare attività fisica, motivo per cui così tante aziende stanno adottando questa politica.

Perché un abbonamento flessibile in palestra?

Rivolgersi ai professionisti di oggi significa dar loro flessibilità e libertà. Può sembrare stupido, ma la possibilità di fare ricerche di ogni genere su Google ci ha reso molto rapidamente una società indipendente. Puoi cercare le indicazioni stradali a partire dalla tua posizione GPS se ti sei perso, puoi cercare come riparare da solo il lavandino guasto o come cucinare un piatto di cui non hai mai sentito parlare.

Come società, quindi, ci piace poter scegliere e di conseguenza metti in mostra il tuo lato migliore. Quando si propongono certi tipi di servizi, poi, bisogna assicurarsi che vengano realmente offerti. Non tutte le palestre sono uguali anzi, molte di esse sono estremamente diverse. Alcune si concentrano sulla qualità dei macchinari, alcune sui diversi corsi offerti e sugli istruttori, altre invece sono orientate verso lo yoga e all’allenamento indipendente. Collaborare con una sola struttura per dare la possibilità ai propri dipendenti di fare attività fisica è molto rischioso: è come pagare loro dei pasti presso un ristorante che non li aggrada.

Considerando che il tuo obiettivo principale è quello di attirare i talenti, ciò che devi davvero offrire è un abbonamento flessibile in più palestre che consenta al tuo personale di scegliere tra una varietà di strutture e che dia loro un pass gratuito o uno sconto per accedervi. Il fatto di poter scegliere la struttura più adatta crea sicuramente un maggior entusiasmo. Alcuni sceglieranno di allenarsi in una palestra tradizionale, alcuni prenderanno lezioni di yoga, e altri ancora apprezzeranno la possibilità di entrare in una piscina per praticare nuoto libero. Offrendo questi servizi, puoi migliorare efficacemente la loro salute e il benessere aziendale senza dover modificare il loro stile di vita.

Gympass è la soluzione di wellness aziendale

Il problema, naturalmente, è che offrire questo tipo di servizio sarebbe davvero impegnativo per un’azienda: dover cercare e convenzionare più strutture e gestire le iscrizioni e gli accessi di ogni singolo dipendente non è cosa facile. Fortunatamente, ovunque c’è un’esigenza, c’è un business che la risolve. Gympass è un servizio online che crea un network di strutture sportive e aziende che offrono pacchetti di benefit aziendale. Poiché queste palestre e centri fitness hanno accettato di aderire al network, le società possono effettivamente offrire ai loro lavoratori un unico pass flessibile valido ovunque. I tuoi dipendenti potranno utilizzare l’app per scegliere le palestre e i corsi disponibili e con la mappa riusciranno anche a vedere quanto ogni struttura disti da dove si trovano.

Gympass aiuta le aziende ad offrire il miglior tipo di benefit aziendale flessibile che i talenti di oggi stanno cercando. Consentendo l’accesso a una moltitudine di strutture sportive, stai rendendo i tuoi dipendenti più motivati a rimanere nella tua azienda.