Lavorare molto. Divertirsi molto. Questa filosofia si è persa nel mondo aziendale odierno altamente competitivo. Considerando che oltre la metà della popolazione attiva non sfrutta le proprie ferie e permessi annuali, sembra che la parte “divertirsi molto” di questo mantra sia stata dimenticata. Per porvi rimedio potresti considerare di offrire ai tuoi dipendenti permessi retribuiti illimitati.

Se introdotti in maniera adeguata, i permessi retribuiti illimitati non significano viziare i dipendenti concedendo permessi in qualsiasi momento e per qualsiasi ragione. Instillare un senso di responsabilità personale e incoraggiare la flessibilità aiuta i dipendenti a gestire l’equilibrio fra vita e lavoro ,a vivere nuove esperienze e, più di tutto, a ricaricarsi.

Se non lo hai mai fatto, è giunto il momento di valutare l’introduzione di una politica di permessi retribuiti illimitati. Potrebbe apparire assurdo, ma è così che sembrano la maggior parte delle idee geniali prima di essere provate. Se non sei convinto, ecco tre aree da tenere in considerazione quando si passa a una politica di permessi retribuiti illimitati.

Cosa aspettarsi

Gli studi mostrano che i permessi retribuiti illimitati aumentano produttività, coinvolgimento e fidelizzazione dei dipendenti. Il rapporto di SHRM, Vacation’s Impact on the Workplace, afferma che le persone hanno un periodo di tempo di attenzione limitato. Una volta esaurita l’attenzione, la produttività cala, generando stress. Quando viene concesso il tempo per rilassarsi, le performance dei dipendenti migliorano.

La vera sfida è capire quando un dipendente ha bisogno di una pausa. I permessi retribuiti illimitati gli danno la possibilità di decidere quando e di quanto tempo hanno bisogno per tornare al loro pieno potenziale.

La maggior parte dei dipendenti dovrebbe essere idonea a ricevere benefit di ferie illimitate. Che si tratti di un dirigente con anni di carriera alle spalle o di un giovane dipendente al primo impiego, tutti hanno bisogno di tempo per ricaricarsi. Alcune eccezioni possono essere i nuovi assunti o i dipendenti con bassi tassi di prestazione. Per loro potrebbe essere più adatto un sistema tradizionale di retribuzione dei permessi per un periodo di 90-360 giorni al fine di valutare, o rivalutare, le loro performance. Le ferie illimitate sono un privilegio da meritarsi, non qualcosa di scontato.

Gestire il flusso di lavoro

I permessi retribuiti illimitati consentono di prendere ferie lunghe anche diverse settimane. La maggior parte dei dipendenti non andrà mai oltre un numero ragionevole di permessi. Le sostituzioni possono sembrare un compito arduo, ma pianificando è possibile garantire che il loro lavoro venga gestito adeguatamente e tenendo conto delle priorità. Ci saranno certamente degli imprevisti, in particolare all’inizio, per cui è meglio prepararsi più del dovuto.

Una valida preparazione comincia con un solido piano coperture. I dipendenti devono comunicare con anticipo e coordinarsi con il proprio manager e team. A seconda della loro dimensione, la maggioranza dei reparti può consentire a uno o due membri di assentarsi in qualsiasi momento, ma oltre questo limite le assenze possono diventare problematiche.

Assicurati che il piano coperture sia accurato. Dare il benvenuto a un dipendente appena rientrato dalle ferie con una pila di incarichi sulla scrivania annullerà rapidamente i benefici della sua vacanza.

Eliminare l’accumulo di ferie non è un metodo che permetta alle Risorse Umane di evitare periodi di ferie estremamente lunghi. Anche con i permessi retribuiti illimitati la maggior parte dei dipendenti esita a prendersi ferie. Molte aziende stanno invece introducendo un numero minimo di ferie. Tenendo traccia dei permessi, i manager possono accertarsi che i dipendenti li usino correttamente. Software come Replicon consentono ai manager di approvare le ferie e di tenere sotto controllo chi è dove in qualsiasi momento, minimizzando così i conflitti.

Documentare i risultati

I permessi retribuiti illimitati permettono ai dipendenti di scegliere quando e per quanto tempo possono stare in ferie. Se da una parte le ferie illimitate possono sembrare un antidoto alla sindrome di stress da lavoro, alcuni dipendenti non riescono a staccarsi dal lavoro. Alcune aziende hanno preso delle misure per aiutarli a disconnettersi. L’azienda di marketing digitale Elite SEM, che conta poco meno di 200 persone, cambia le password dei dipendenti quando sono fuori dall’ufficio in modo tale da impedirgli di collegarsi ai sistemi aziendali, mandare o ricevere e-mail.

Meno dell’1% delle aziende offre ferie illimitate. A partire da adesso puoi dotare la tua azienda di uno strumento per attirare talenti, potenziare la produttività e fidelizzare gli attuali dipendenti. Con le ferie illimitate o una politica di permessi retribuiti, i dipendenti possono diventare responsabili del proprio orario e valutare adeguatamente il carico di lavoro. Leggi il nostro ultimo whitepaper per scoprire di più sui permessi retribuiti illimitati e altri benefit flessibili.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Comments

comments