In passato, tutto ciò che riguardava la salute mentale o le condizioni emotive era considerato un tabù. Oggi, però, le conversazioni sulle condizioni di salute mentale non sono solo comuni, ma anche incoraggiate. Considerando che a livello mondiale più di 970 milioni di persone soffrono di qualche tipo di disturbo mentale, non è difficile capire perché queste conversazioni siano così importanti. 

Sul posto di lavoro, conoscere e riconoscere le patologie diagnosticate più comunemente è fondamentale. Non solo aiuta i dipendenti del reparto Risorse Umane a capire come i membri del team potrebbero affrontare questi ostacoli, ma consentirà alla Sua azienda di adottare le misure necessarie per fornire le risorse di cui hanno più bisogno. La seguente guida evidenzia alcune di queste patologie e come potrebbero manifestarsi sul posto di lavoro. 

 

Quali sono i disturbi di salute mentale più comuni?

ADD/ADHD (Attention Deficit Disorder, Attention Deficit Hyperactivity Disorder)

Il disturbo da deficit dell’attenzione e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività sono due delle patologie più comunemente diagnosticate a livello mondiale. In effetti, uno studio del 2016 ha stabilito che oltre 218 milioni di adulti in tutto il mondo ne sono colpiti. L’ADD/ADHD è un disturbo dello sviluppo neurologico che influisce sulla capacità di concentrazione di una persona ed è più spesso legato a prestazioni ridotte o scarse sul lavoro.

I sintomi comuni includono l’incapacità di stare fermi o l’agitazione costante, il parlare eccessivo, l’interruzione persistente delle conversazioni, il comportamento impulsivo, la tendenza a commettere errori di distrazione, la difficoltà a rispettare le scadenze, il perdere regolarmente gli oggetti, la difficoltà a seguire le indicazioni e la scarsa capacità organizzativa o di gestione del tempo. 

Fortunatamente, il trattamento dell’ADD/ADHD è molto gestibile. Fornire ai dipendenti l’accesso a medici qualificati consentirà loro di ricevere terapie farmacologiche per aiutare a mantenere la concentrazione. Se preferiscono fare a meno dei farmaci, incontrarsi regolarmente con un terapeuta potrebbe fornire loro le capacità necessarie per gestire i sintomi. È stato inoltre dimostrato che l’esercizio fisico è una delle risorse più efficaci per combattere l’ADD/ADHD.

Sul posto di lavoro, i lavoratori delle risorse umane possono aiutare i dipendenti limitando le distrazioni e fornendo accesso a risorse che riducono al minimo i fattori scatenanti. Ad esempio, se un dipendente ha difficoltà a stare fermo, fornire una scrivania che consenta di restare in piedi potrebbe alleviare tale irrequietezza. Si potrebbe anche contemplare la creazione di “spazi tranquilli” designati che permettano ai dipendenti di andare in un posto con distrazioni minime. 

 

Ansia

L’ansia è un termine ampio usato per descrivere numerose patologie, tra cui il disturbo d’ansia generalizzato, il disturbo da panico, l’agorafobia e il disturbo da stress post-traumatico. Nel complesso, più di 264 milioni di persone in tutto il mondo sono colpite da una o più di queste patologie. 

L’ansia colpisce tipicamente la salute emotiva di una persona e può manifestarsi attraverso una maggiore irritabilità, insonnia, difficoltà di concentrazione, affaticamento, pensieri o comportamenti irrazionali, paura o preoccupazione eccessive, pensieri che recano disturbo o invadenti, irrequietezza e nausea.

È possibile che un dipendente sia alle prese con una di queste patologie se si assenta regolarmente dal lavoro prima di un progetto importante o di una presentazione, se pone una quantità eccessiva di domande, se sembra irragionevolmente irritabile o se ha difficoltà a completare i compiti. 

Proprio come l’ADD/ADHD, l’ansia può essere trattata con psicoterapia e farmaci. È stato dimostrato che anche la meditazione è molto efficace per alleviare o prevenire un episodio ansioso, quindi consideri la possibilità di offrire ai dipendenti risorse per programmi di salute mentale. È inoltre importante che i dipendenti si riposino adeguatamente, poiché è noto che la mancanza di sonno aggrava i sintomi dell’ansia

 

Depressione

Circa 264 milioni di persone hanno diagnosi di depressione attiva a livello mondiale. Questa patologia influisce principalmente sull’umore di una persona, portando a episodi continui o periodici di sensazioni di disperazione, annichilimento e tristezza.

I sintomi comuni includono perdita di interesse, sentimenti di apatia, difficoltà di concentrazione, irritabilità eccessiva, affaticamento, sbalzi d’umore inaspettati, difficoltà a dormire, malcontento generale e aumento o perdita di peso inaspettati. Sul lavoro, questo potrebbe manifestarsi con dei dipendenti che faticano a completare i compiti quotidiani, eccesso di giorni di malattia, difficoltà a collaborare con altri membri del team, diminuzione della qualità del lavoro e sfoghi emotivi inattesi. 

Insieme a farmaci e psicoterapia, il mantenimento di una dieta sana potrebbe aiutare i dipendenti a ridurre il rischio di episodi di depressione. Gli studi hanno dimostrato che una dieta ricca di cereali integrali, frutta, verdura, pesce e latticini a basso contenuto di grassi è collegata a un ridotto rischio di depressione, quindi valuti la possibilità di offrire ai dipendenti l’accesso a risorse nutrizionali.

Gestire un disturbo di salute mentale può essere difficile, ma quando i dipendenti hanno accesso alle giuste risorse per la salute fisica e mentale, hanno le migliori possibilità di avere successo. Se desidera aiutare i membri del Suo team a gestire meglio i loro disturbi di salute mentale, valuti la possibilità di collaborare con Gympass. Offriamo una vasta gamma di programmi educativi, nonché l’accesso a professionisti della salute, programmi di meditazione e lezioni di fitness.