L’impatto positivo dell’esercizio fisico sulla salute mentale è noto da tempo, ma, secondo un nuovo studio, i responsabili HR e del dipartimento benefit hanno un motivo ancora maggiore per invogliare i dipendenti ad alzarsi e iniziare a muoversi: la ricerca ora mostra che l’esercizio fisico può ridurre l’ansia di uno sbalorditivo 61%. Dal momento che lo studio ha monitorato oltre 400.000 persone per 21 anni, è ovvio che questi risultati si applicano all’ansia che colpisce anche i lavoratori.

Segnalato in Frontiers In Psychiatry, questo studio, completato da un team di ricercatori svedesi, può fare la differenza per molte persone, dal momento che il 10% della popolazione mondiale (e il 20% degli adulti americani) soffre di una qualche forma di disturbo d’ansia. Inoltre, l’ansia che viene a crearsi nei dipendenti, come lo stress e la depressione, è un problema di salute mentale che è stato notevolmente esacerbato dalla pandemia di Covid-19.

Sebbene l’ansia occasionale sia una parte normale della vita, specialmente durante i periodi difficili o i cambiamenti importanti, le persone con disturbi d’ansia hanno spesso preoccupazioni e paure intense, eccessive e persistenti che caratterizzano qualsiasi delle loro situazioni quotidiane. Come afferma la Mayo Clinic, “questi sentimenti di ansia e panico interferiscono con le attività quotidiane, sono difficili da controllare, sono sproporzionati rispetto al pericolo reale e possono durare a lungo”. 

Quasi sicuramente la vita di un dipendente a casa e sul lavoro ne risentirà.

L’ansia nei dipendenti porta ad altre complicazioni

Oltre ai suoi sintomi più comuni e comunque spesso paralizzanti, che portano a intensa preoccupazione o paura, l’ansia può costringere a pagare un prezzo molto alto: aumenta il rischio di altri disturbi della salute mentale, inclusa la depressione, e può contribuire a diabete, abuso di sostanze, perdita di sonno, isolamento sociale e problemi cardiovascolari.

Le cause dell’ansia grave, nel frattempo, non sono state chiaramente comprese. I disturbi d’ansia (di cui esistono diverse forme) sono stati collegati a condizioni di salute di base, dai disturbi respiratori all’interazione con determinati farmaci. Anche specifiche esperienze di vita, come gli eventi traumatici, possono innescare disturbi d’ansia in persone che sono già inclini a questa condizione. Persino i tratti ereditari possono costituire un fattore.

Attività fisica: non solo allevia l’ansia, ma aiuta a prevenirla

Indipendentemente dalla causa o dal tipo di disturbo d’ansia, gli studi indicano che le persone che ne sono affette tendono anche a essere più sedentarie e, quando fanno esercizio, a svolgere un’attività fisica meno intensa. Precedenti ricerche e rapporti pubblicati su riviste come l’Harvard Health affermano che l’esercizio fisico può alleviare l’ansia per diversi motivi.

Il nuovo studio svedese sembra essere il primo non solo a monitorare così tante persone su un periodo così lungo, ma a quantificare l’impatto dell’esercizio fisico sulla prevenzione dell’ansia; ora disponiamo di una prova ancora più solida che alzarsi e mettersi in movimento è una delle migliori soluzioni non mediche disponibili non solo per alleviare, ma anche per prevenire l’ansia. 

Ecco alcuni suggerimenti per invogliare i tuoi dipendenti a infilarsi in una tuta da ginnastica e fare un po’ di esercizio

Dare una spinta in più alla tua forza lavoro per aiutarla a fare più passi durante la giornata potrebbe prevenire l’insorgere di disturbi d’ansia lungo la strada.